Alla scoperta del Salento, vacanza nel tacco dell'Italia


ITALIA

Pubblicato il: 12-02-2019

In collaborazione con: il turista

Gli abitanti del posto ne parlano da sempre, ma anche i viaggiatori che giungono in estate impiegano poco tempo a capire il significato di quello che è ormai ben più di un proverbio, quasi uno slogan: “Lu Salentu: lu sule, lu mare, lu ientu”.
Sole, mare e vento sono i tre elementi che più di altri caratterizzano la penisola all’estremità meridionale dello Stivale o, citando Capossela, di questa “terra di dove finisce la terra”. È il Salento, punto d’incontro di due mari, di genti e di tradizioni antiche.

Spiagge, buon cibo e natura sono il richiamo per le migliaia di turisti che scelgono di trascorrere le proprie vacanze nel mare della Puglia. C’è una zona, presso Marina di Pescoluse, sul tratto di costa tra Torre Pali e Torre Vado, che viene chiamata Maldive del Salento: il nome evoca mete esotiche e costose, eppure siamo comodamente sullo Jonio, dove l’acqua non ha niente da invidiare alle sfumature cristalline dei mari tropicali.

Nelle vicinanze, di fronte al faro di Santa Maria di Leuca, l’Adriatico e il Mar Jonio si uniscono, fondendosi al largo in un unico blu intenso. Dalle stanze dell'Hotel Terminal ci si gode questo spettacolo grazie a una posizione privilegiata: affacciata sull'insenatura tra Punta Ristola e Punta Meliso, la struttura è un ideale punto di partenza per scoprire la zona, oppure semplicemente per rilassarsi nella tranquilla spiaggia di sabbia e sassi che si apre proprio davanti all’hotel.
Da qui si può scegliere quale versante della penisola salentina visitare: ad est, risalendo la provincia di Lecce, il litorale adriatico è tendenzialmente roccioso e vi si trovano scorci unici, come il canale del Ciolo, un piccolo canyon fuori dal paese di Gagliano del Capo che termina con una spiaggetta incastonata tra le ripide pareti di roccia. Più a nord, nei pressi di Castro, la natura ha dato nuovamente spettacolo con la suggestiva Grotta della Zinzulusa, raggiungibile via mare o via terra.

Oltrepassato Otranto, la scogliera di tufo della Baia dei Turchi dà vita a uno dei tratti di costa più incantevoli del Salento, protetta dalla pineta che si apre alle sue spalle e bagnata da un mare turchese. È il caso di procedere ancora qualche chilometro per raggiungere, in località Roca Vecchia, la famosa Grotta della Poesia, una delle piscine naturali più belle del mondo.

Il Salento non offre solo mare: nell’entroterra le campagne accolgono i visitatori con i loro colori intensi e i profumi della natura. Sulla terra rossa, delimitata dai caratteristici muretti a secco, i tronchi degli ulivi secolari disegnano forme contorte e sinuose al tempo stesso.
La Puglia si presta particolarmente a un viaggio on the road. Così, attraversando la campagna o spostandosi lungo la litoranea, di tanto in tanto si può fare tappa negli agriturismi e nelle cantine per assaggiare i prodotti e i vini della tradizione locale, ma anche in uno dei tanti borghi disseminati nel territorio: Alessano con le sue chiese, le fortificazioni di Acaya, le porte di Galatina, l’architettura barocca di Nardò, il borgo antico di Otranto – Patrimonio dell’Umanità riconosciuto dall’UNESCO – o il suggestivo centro storico di Gallipoli, costruito su un’isola collegata alla terraferma da un ponte seicentesco.

Siamo ormai giunti nel versante occidentale del Salento. Direttamente sulla spiaggia, nella baia di Gallipoli, troviamo l’Ecoresort Le Sirenè, circondato dalla macchia mediterranea della Riserva Naturalistica Torre del Pizzo. Tra le dune di sabbia chiara modellate dall’immancabile brezza ci si può finalmente rilassare godendosi anche un bagno nelle acque turchesi dello Jonio.

Il Salento possiede una bellezza unica, sempre diversa eppure eterna. Sono quasi 300 km di costa baciati in estate da un Sole bollente che si sposa alla perfezione con il mare, regalando riflessi e sfumature cromatiche irripetibili altrove.
La terra e il carattere della sua gente sono modellati dai venti di scirocco e di tramontana, che offrono ai visitatori anche l’opportunità di scegliere su quale spiaggia stendersi a seconda della loro direzione: con il vento che soffia dall’Africa sarà più invitante l’Adriatico, mentre con la tramontana, da nord, la calma placida dello Jonio diventerà irresistibile.

Oltre al blog, per ulteriori approfondimenti puoi visitare il sito www.ilTurista.info



Accettiamo pagamenti con:

Visa, Mastercard, postepay, bonifico bancario